Bruno Morassutti. Architettura industrializzata e design dal 23 ottobre al 22 novembre // Scarica il programma // Parole di luce dal 30 ottobre al 29 novembre // Scarica il programma // 
 Bruno Morassutti. Architettura industrializzata e design dal 23 ottobre al 22 novembre // Scarica il programma // Parole di luce dal 30 ottobre al 29 novembre // Scarica il programma // 

    Fabio Ognibeni


Fabio Ognibeni (n. 07.10.1962) cresce a Pieve Tesino TN, paese natale di Alcide Degasperi, e terra che vanta una tradizione di commercio di “stampe” che raggiunge tutta l’Europa e la Russia fra la fine del ‘600 e gli inizi del ‘900. Gli antenati di Ognibeni erano commercianti tesini con negozi a Utrecht (NL) e a Besancon (F). Dopo la scuola dell’obbligo compie gli studi di indirizzo tecnico a Trento e Padova, diplomandosi nel 1981 in Chimica Industriale. Già durante gli studi lavora durante l’estate nei boschi, partecipando al Piano Economico Forestale di censimento di parecchi Comuni del Trentino.

Dopo aver prestato il servizio militare come Ufficiale degli alpini (1983-’84), avvia la sua carriera nel campo tecnico e del commercio come libero professionista nel 1985, anno in cui si sposa con Donata Ciresa. Successivamente dal maggio 1991, alla scomparsa del fondatore dell’azienda fiemmese Enrico Ciresa, si occupa anche della Direzione tecnica e commerciale della ditta E.Ciresa Srl, di cui diviene socio nel 1993 (con le due figlie di Ciresa, Donata e Piera) e poi Amministratore Unico nel 2001.

Dopo alcuni anni dedicati ad apprendere le caratteristiche del lavoro specifico della Ciresa, ed alla gestione organizzativa aziendale, si dedica con passione alla scelta del legno di risonanza in foresta, e alla costruzione delle tavole armoniche per strumenti musicali. Sul piano commerciale avvia tutto il mercato dell’export e la politica commerciale con l’uso in concessione esclusiva del marchio della Magnifica Comunità di Fiemme, facendosi conoscere ed apprezzare da tutti i produttori di pianoforti e di strumenti musicali classici a corda in Europa e in Asia.

Contemporaneamente trasforma la produzione dell’azienda attraverso scelte tecniche ed investimenti continui sulla struttura e nei macchinari, curando particolarmente la qualità del legno e delle lavorazioni per qualificare sempre più i prodotti destinati al mercato degli strumenti musicali.

Durante il decennio 1995 – 2005 frequenta le associazioni europee dei tecnici accordatori di pianoforti, incontra liutai e costruttori di tutto il mondo, e affronta anche verifiche scientifiche e sperimentali sulle caratteristiche del legno, attraverso studi interni aziendali o tesi di laurea esterne, interfacciandosi con prestigiose università sia in Italia che all’estero, e i laboratori del C.N.R. del legno IVALSA (a San Michele All’Adige TN). Ha visitato personalmente oltre trenta fabbriche di pianoforti nel mondo e numerosi laboratori di restauro.

Queste esperienze personali, e la passione per il legno di risonanza e l’impiego specifico negli strumenti musicali, sono la base di conoscenza specifica nel campo, che gli consente nel 2003 – 2006 di avviare un progetto di ricerca innovativo, finanziato dalla E. Ciresa Srl, sulla progettazione di tavole armoniche  concepite in forme e grandezze nuove, capaci di rispondere in vibrazione ad una gamma vasta di frequenze, suonando non attraverso le corde, ma con l’utilizzo di particolari trasduttori che obbediscono a delle sorgenti audio musicali, e deposita un brevetto internazionale nel 2006 che protegge questa innovativa invenzione.

 Nascono così le Opere Sonore, diffusori audio naturali per l’ascolto della musica che sono oggetti di design, con caratteristiche musicali uniche, senza altoparlanti, vicini alla modalità di ascolto “dal vivo”.

Fabio Ognibeni è quindi inventore di Opere Sonore (ancora uniche al mondo) ed è considerato uno dei massimi esperti del “legno di risonanza” e dell’utilizzo delle tavole armoniche per gli strumenti musicali.

Dal 2013 diviene il costruttore di tavole armoniche più conosciuto nel mondo, grazie alla fiducia dei più importanti costruttori di Arpe e Pianoforti che montano le tavole armoniche provenienti dalla Val di Fiemme, ed alla crescente fama riconosciuta anche dalle botteghe di liuteria di tutto il mondo.

L’innovazione è però nel dna di Ognibeni che nel 2016 deposita un nuovo brevetto aziendale che verte sullo sviluppo ed di un pianoforte a coda particolare, in quanto basato sulla sola “tavola armonica” capace di ridare l’anima naturale al suono digitale:nasce così nel 2018 il Resonance Piano, il primo pianoforte al mondo “senza corde”.

Sempre nel novembre 2018, a seguito della tempesta meteo che a fine ottobre sconvolge le foreste dell’area dolomitica, lancia una singolare iniziativa di crowdfunding diffuso (a restituzione) per “salvare il Legno di Stradivari” caduto con gli schianti nelle foreste di Fiemme: “Per salvare la Musica del futuro”.

Partecipa a